Indietro

I Filati

 

   
 

Ne esistono di vari spessori e svariati colori: è opportuno scegliere sempre filati di buona qualità perché essi determinano la buona riuscita del risultato finale. Il tipo usato più comunemente è il cotone, che si differenzia per la torsione (se i capi sono divisibili e quanto) e per il numero dei capi (che indica di quanti capi è composto il filato).

 

Cotone Mouliné

Filato poco ritorto composto da sei capi divisibili. E’ setoso, brillante e malleabile quindi adatto a qualsiasi tipo di tessuto, dal più leggero al più pesante.

 

Cotone Perlé

Filato perlato molto ritorto formato da due capi non divisibili. Sono presenti tre misure: nr. 5 – nr. 8 e nr. 12. Perfetto per chi è alle prime armi e anche per le più esperte in quanto dona al ricamo un effetto di rilievo veramente notevole.

 

Cotone da Ricamo

Filato ritorto composto da quattro capi non divisibili. Perfetto per il ricamo tradizionale e ad intaglio.

 

Cotone sfumato

Presenta sfumature di colore chiaro/scuro ad intervalli regolari

 

Cotone lanato

Filato ritorto e opaco viene utilizzato per ricamare i tessuti più grossi e per realizzare lavori più rustici; adatto per lavori su canovaccio e per i ricami su maglia

 

Lana da ricamo

Filato morbidissimo e resistente è sicuramente il più adatto al ricamo su canovaccio perché non si sfila quando viene passato nei fori e perché ricopre interamente lo sfondo.

 

Filo di Seta

Filato utilizzato per ricamare tessuti particolarmente leggeri e con trama fitta e per eseguire ricami preziosi. E’ un filato costoso e consigliato a chi ha più esperienza perché si attorciglia spesso.

 

Filo Metallico

Filato formato da sei capi divisibili e utilizzato spesso per realizzare  ricami con temi natalizi.

Non facile l’impiego, il lavaggio è preferibile a secco o a basse temperature.