Indietro

Le origini

Il punto croce è uno dei punti di ricamo più semplice da eseguire e, dal Medioevo ad oggi, la sua notorietà non è mai mancata. Con il passare degli anni sono cambiate le esigenze delle donne, sono aumentati gli impegni e non c’è più il tempo per ricamare il corredo; forse è proprio per questo che un qualsiasi capo ricamato a mano riscuote oggi più di allora successo e ammirazione.

E’ quasi incredibile, ma per molte donne il punto croce fu l’unico sistema per imparare, oltre alla tecnica di questo ricamo, anche le lettere dell’alfabeto…

Alcuni antichi esemplari di rara bellezza, ancora ben conservati, sono l’esempio delle capacità artistiche di queste ricamatrici: a volte tra fiori, bordi e lettere dell’alfabeto appare anche il loro nome. Pare che il punto croce sia uno tra i ricami più duraturi nel tempo in quanto la crocetta “attanaglia” il tessuto e lo conserva al meglio.

Gli Imparaticci o Samplers  non erano altro che pezzi di tela dove venivano effettuate le “prove tecniche” dei ricami: praticamente pagine ricamate dalle quali attingere idee, formati o tipi di calligrafia da utilizzare successivamente per il ricamo vero e proprio.